Nessuno spazio per la noia nel 2018 del mondo wearable

Tante le novità in arrivo, tra Fitbit ed Apple in prima fila, la rivincita Samsung e nomi nuovi

Per chi si è appassionato al mondo wearable, il 2018 presenta tutte le premesse per un anno da ricordare. Raggiunto un primo livello di maturità, il settore si appresta ora a una fase di consolidamento e messa a punto di prodotti. Sono infatti numerose le novità attese per il prossimo anno e Wearable, una delle testate più autorevoli del settore, ha provato a riassumerle.

Con buona probabilità, la parte del leone spetterà a Fitbit, con almeno tre assi da mettere sul piatto. Prima di tutto, la versione marcata Adidas di Ionic, lo smartwatch già protagonista nel 2017, uno dei pochi contendenti a Apple Watch e soprattutto capace di imporre al mercato una strada personalizzata. Sulla falsariga dell’accordo analogo di Apple con Nike, il modello speciale presenterà un cinturino traforato di chiara impronta sportiva, con quadrante personalizzato e altri ritocchi particolari ancora da scoprire.

Sul fronte tracker Fitbit ha in serbo invece Charge 3, destinato a raccogliere l’eredità del Charge 2. Tra le caratteristiche date per certe, la predisposizione anche al nuoto, GPS integrato e potenzialmente delle funzioni legate alla Salute.

Completa il tris Blaze. Lo smartwatch per chi non è interessato a investire su Ionic. Da questo riceverà l’accesso alle app, ma non necessariamente il GPS, probabilmente per mantenere una certa differenziazione su costi e caratteristiche.

Naturalmente, Apple non starà a guardare. L’attesa su Watch 4 è infatti già stata creata ad arte. Si parla soprattutto di interventi estetici, per renderlo più sottile, con cinturino a strappo e rinnovate funzionalità di monitoraggio del sonno. Soprattutto però, l’impegno Apple è rivolto alle applicazioni in campo medico, per rendere lo smartwatch attendibile in contesti diagnostici.

A corredo, è previsto anche l’arrivo di nuovi Airpods. Si guarda all’integrazione delle funzionalità per il fitness e un perfezionamento di Siri, oltre a un’estensione dell’autonomia.

Nel quadro non può mancare Samsung, tra i due contendenti rimasta un po’ in disparte nel 2017. Con Gear S4 c’è aria di rivincita, puntando a un dispositivo del tutto nuovo e non semplice successore del Gear S3. Anche in questo caso, a guidare la ricerca, ritocchi importanti al design e attenzione alla Salute. Si parla però di lavori ancora in alto mare, tali da dover attendere l’autunno per l’annuncio.

Anche sul fronte degli attuali outsider le sorprese sono dietro l’angolo. Prima tra tutte, il 2018 sarà l’anno di Magic Leap, i tanto annunciati smartglasses di nuova generazione. Completi di microcamera, microfono e diffusori, con controller 6DOF (a sei gradi di libertà), promettono un salto di qualità nella realtà aumentata.

Infine, un altro progetto promettente è LVL. Un approccio innovativo al tracker, capace di superare uno dei limiti attuali maggiori. Il sistema sviluppato da BSX promette di essere in grado di tenere sotto controllo anche l’idratazione. A garanzia dell’affidabilità, si tratta di uno dei progetti di maggiore successo nella storia del crowdfunding.

Pubblicato il: 2 Gen 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *