Sulle ferrovie svedesi il viaggitore bionico paga il biglietto con un gesto

Il chip sottocutaneo già usato dai dipendenti Epicenter adottato anche dalla compagnia ferroviaria Sj

Già salita in più di un’occasione al centro dell’attenzione come una delle prime organizzazioni al mondo ad adottare l’utilizzo dei chip sottocutanei, Epicenter non ha perso tempo nell’allargare il proprio raggio d’azione.

Fermamente convinta che questo sia il futuro, la società svedese ha raggiunto un importante traguardo, il primo di una certa rilevanza al di fuori delle proprie mura. La pratica ormai abituale per tanti dipendenti di aprire porte, servirsi alle macchinette automatiche o avviare stampanti accostando la mano al lettore, grazie all’accordo con la compagnia ferroviaria locale Sj permetterà di pagare direttamente il biglietto. O meglio, di accedere alle stazioni o mostrare al controllore il titolo di viaggio con un gesto.

Secondo quanto spiegato dalla società, la richiesta è partita dai viaggiatori stessi. In Svezia si conta infatti un numero già importante di chip sottocutanei, accettati da oltre tremila persone. Tra di loro, viaggiatoriinteressati a rendere più snelle le operazioni di acquisto dei biglietti.

Prontamente accontentati, ora sono diventati pionieri di una nuova evoluzione, in costante crescita nonostante permangano tutti i dubbi al riguardo. A differenza di apparecchi simili usati a scopo sanitario, come un comune pacemaker, in questo caso il chip è in grado di tracciare ogni movimento del proprietario, ogniqualvolta passi nei pressi di un lettore NFC. D’altra parte, non più di quanto sia possibile attraverso GPS e carte di credito.

L’app dedicata permette di eseguire la procedura di acquisto dei biglietti e registrarlo con la lettura dei dati personali attraverso uno smartphone Android  compatibile con la trasmissione NFC. La stessa utilizzata per leggere le tessere degli abbonamenti elettronici. Un aggiornamento del software installato sui lettori ai varchi e in dotazione al personale ha completato la soluzione.

Pubblicato il: 5 Ott 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *