Nell’esplosione della realtà virtuale a guadagnarci è solo la realtà aumentata

I dettagli della rapida crescita del settore stimata da IDC per i prossimi quattro anni

Se il mercato della realtà virtuale riuscirà finalmente a prendere consistenza, buona parte dei meriti saranno dovuti alla spinta della realtà aumentata. In particolare, a trarne benefici sarà la vendita dei visori. Secondo le più recenti stime IDC, su scala mondiale il mercato raggiungerà entro l’anno la cifra di 1,7 milioni di unità vendute. A destare scalpore però, è soprattutto la previsione di crescita. Nel 2021 infatti, i visori dedicati saliranno fino a quota 81,2 milioni di unità. Un tasso di crescita annuale del 56,1%.

Un secondo aspetto importante caratterizza il settore. Nonostante la realtà virtuale sia ancora padrona della situazione, con una quota del 90% ancora per due anni, la realtà aumentata è destinata a guadagnare inesorabilmente spazio, fino a occupare il 25% entro il 2021.

In cifre, si parla di una fascia di mercato la cui consistenza inizia a farsi interessante per gli operatori. Si parla infatti di ricavi stimati intorno ai trenta miliardi di dollari nel giro di quattro anni, circa il doppio di quanto raggiungeranno i visori per realtà virtuale alla fine dello stesso periodo. Nonostante la differenza in volumi sempre consistente, a fare la differenza saranno i prezzi, per via dei costi decisamente più elevati della realtà aumentata.

Anche per questo, la sua diffusione inizierà soprattutto dal mondo professionale. Se attualmente le aziende sono all’origine del 71,1% del fatturato, il divario è destinato a crescere, fino a raggiungere l’82,5%. Discorso completamente ribaltato per quanto riguarda la realtà virtuale, anche se con una tendenza diversa. Il 78,2% oggi segnale di largo predominio nel mondo consumer, entro il 2021 verrà leggermente ridimensionato, fino al 72,2%. Una situazione frutto anche di un’altra importante considerazione. A livello consumer, la realtà aumentata viene già oggi, e lo sarà di più in futuro, sfruttata attraverso gli smartphone.

Al momento, ancora ben poca storia sul fronte produttori. A tutt’oggi, IDC vede un mercato per buona parte in mano a Samsung con Gear VR. Una situazione destinata a durare ancora qualche tempo, anche se non troppo. La crescita di interesse per il settore sta favorendo l’arrivo di dispositivi più abbordabili per fascia di prezzo. Inoltre, già entro la fine dell’anno, si attendono novità importanti da Microsoft, inevitabilmente destinate a movimentare il settore.

Pubblicato il: 3 Ott 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *