Nel gioco della qualità audio, Asus punta sulla Strix Fusion 300 vincente

Una camera del suono con uno speciale design a secco con driver Essence da 50 mm, audio surround a 7.1 canali e padiglioni auricolari ROG Hybrid sono i punti di froza scelti da Asus per il lancio delle Strix Fusion 300, le prime cuffie gaming della nuova serie ROG Strix Fusion

La volontà di ricercare un design futuristico ha portato a scegliere il metallo come elemento base per la costruzione, accentuato da effetti luminosi. Pensate per il gaming, non disdegnano però l’uso con PC, console di gioco e smartphone.

Le camere del suono adottano padiglioni auricolari di grandi dimensioni rivestiti in pelle proteica traspirante. Al tempo stesso, a tenuta stagna per assicurare che una maggior quantità d’aria sia perfettamente sigillata all’interno e garantire così la qualità del suono. La scelta di utilizzare una copertura in metallo – anziché di plastica – per i driver da 50 mm aiuta a contrastare le distorsioni.

Al prezzo di 139,99 euro, le cuffie prevedono connessione USB 2.0 affiancata da un jack audio da 3,5 mm. L’audio virtual surround a 7.1 canali incorporato elimina la necessità di software o dongle aggiuntivi e può essere attivato con un tasto dedicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *