Elefanti, ultima frontiera del Fitbit

Durante i propri studi, il Professor Paul Manger, della School of Anatomical Sciences presso la Wits University di Johannesburg si è avvalso di un Fitbit applicato a due elefanti allo stato brado nella riserva del Chobe national Park in Botswana, per studiare il sonno.

I risultati pubblicati sulla rivista scientifica Plos One sono stati abbastanza sorprendenti. Entrambi gli elefanti hanno in realtà dormito solo poche ore al giorno, soprattutto nelle prime ore del mattino. Inoltre, negli animali allo stato selvaggio, alba e tramonto non influiscono più di tanto sui ritmi giornalieri. Il sonno può arrivare sia in piedi sia da sdraiati. La fase Rem tuttavia, viene raggiunta solo nell’ultimo caso e si verifica solo ogni tre o quattro giorni. Infine, di fronte a una situazione di pericolo, gli elefanti sono stati in grado di resistere anche 48 ore senza dormire, per allontanarsi anche fino a 30 km di distanza dal luogo a rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *